https://www.retecastellisapienza.it/assets/img/icons/cart-icon.png 0 € 0,00

Info Utili

Città: Colonna (Roma) - 00030

La settecentesca chiesa di San Nicola di Bari fu costruita per volontà del principe Niccolò Pallavicini sul punto più alto del paese a partire dal 1757, per sostituire l’antico edificio di culto ormai fatiscente e non più adatto a contenere l’accresciuto numero di fedeli. I lavori, su progetto dell’architetto Clemente Orlandi, furono però portati a termine con estrema difficoltà a causa della morte del principe e la chiesa poté essere ultimata grazie all’intervento del vescovo di Frascati il cardinale duca di York solo nel 1771. Questi il 17 ottobre consacrò l’altare maggiore in marmo policromo progettato dall’Orlandi e sul quale ancora oggi si trova la pala con i Santi Nicola di Bari e Filippo Benizzi davanti alla Madonna con il Bambino e gli Angeli che il pittore Carlo Chiappino realizzò su diretta commissione del principe Pallavicini. La chiesa ha una facciata concava delimitata lateralmente da pilastri di ordine gigante mentre l’interno è caratterizzato da una pianta ovale su cui si aprono delle cappelle laterali. In queste sono conservate alcune opere provenienti dalla vecchia chiesa come il quadro di Pietro Odazzi con la Madonna con il Bambino che porge il Santo Rosario a San Domenico e Santa Caterina da Siena, opera della fine del XVII sec. e il Salvator Mundi attribuito a Carlo Maratta nella cappella del SS. Salvatore. Dalla vecchia chiesa provengono anche le due porzioni di affresco raffiguranti Sant’Andrea e San Francesco poste ai lati del presbiterio. Nel 1945 furono invece realizzate, quale ex voto della cittadinanza, le decorazioni sulla parete del presbiterio ad opera di Duilio Cambellotti che raffigurò nella volta l’Annunciazione e nelle due tavole laterali San Nicola protettore e San Nicola che calma la tempesta.